IL NARRATORE E IL PUNTO DI VISTA

Dopo aver analizzato i personaggi nelle storie, la fabula, l’intreccio, i diversi tipi di sequenze (narrative, dialogiche, descrittive, riflessive), ora vediamo come può essere raccontata una storia e da chi. Non è sempre l’autore della storia (colui il quale l’ha inventa) a scrivere, può essere un personaggio della storia, o può essere l’autore che si fa “voce narrante” secondo diversi … Continua a leggere

I PERSONAGGI NELLE STORIE

Dopo aver studiato le differenze tra racconto e romanzo, tra fabula e intreccio e dopo aver analizzato i diversi tipi di sequenze che troviamo nelle storie, ora esaminiano come vengono presentati i personaggi, quali le loro funzioni, la loro importanza e che da chi vengono presentati e come. Ecco uno schema riepilogativo sui personaggi:

LA DIVINA COMMEDIA 2: I TEMI, GLI SCOPI, I LUOGHI

Il significato della Divina Commedia è complesso, infatti oltre al significato letterare, i versi esprimono spesso anche un significato allegorico (cosi ad es. nella selva oscura Dante è realmete impaurito da una lupa, ma la lupa è anche l’allegoria della avidità e della avaria). I TEMI E GLI SCOPI I LUOGHI E I TRE REGNI ULTRATERRENI

LA DIVINA COMMEDIA I

La Divina Commedia è un poema diviso in tre CANTICHE (Inferno, Purgatorio, Paradiso)  composte ognuna da 33 canti, tranne l’Inferno che ha un canto in più come introduzione. È scritta in endecasillabi raggruppati in terzine con rima incatenata. Qualche informazione in più nello schema:             INFERNO I                 … Continua a leggere